Rigonfiamento del telaio della porta dello schermo

Recentemente ho notato che la nostra porta dello schermo non si chiudeva da sola. Se non lo chiudiamo dietro di noi, rimane un po’ aperto.

porta non bloccabile

Ho controllato per vedere cosa sta “prendendo” la porta e sembra essere quest’area:

cornice sporgente dal muro

Ci sono anche graffi su quest’area dalla porta.

cornice bianca con graffi grigio/nero

Stavo pensando di prendere dell’adesivo da costruzione, spruzzarne un po’ in quella fessura nel telaio, quindi provare a fare pressione su quell’area per farlo riattaccare, ma non sono sicuro che ci sia una soluzione migliore. In qualche modo non correlato, dall’altra parte della porta il chiudiporta esce dal telaio da un po’ di tempo. Per lo più l’abbiamo ignorato e abbiamo scelto di non aprire mai la porta per ridurre al minimo i danni in quest’area, ma ho pensato di includerlo qui nel caso qualcuno lo ritenga rilevante.

cerniera più stretta deformata
primo piano del cardine più vicino deformato


Risposta 1, autorità 100%

Sembra essere una porta in alluminio abbastanza standard e che il telaio della porta si è un po’ piegato e sembra che tu abbia identificato l’area in cui si blocca.

Ti suggerirei di riportare la cornicenella sua forma corretta. Un martello sarebbe lo strumento giusto per questo, MAè difficile colpire una piccola area come quella con precisione con un martello e un colpo mancato potrebbe causare più danni di quanti ne risolva. Per proteggerti, tieni un blocco di legno (va bene qualsiasi scarto abbastanza grande da tenere e colpire senza romperti la mano con il martello) contro il telaio per diffondere la forza e colpire il blocco. Avrai bisogno di tenere saldamente il blocco contro il telaio in modo da trasmettere la forza di percussione attraverso il legno e direttamente nel telaio. Con la casa che sostiene l’altro lato del telaio di metallo, a patto di non perdere il blocco, non puoi davvero fare alcun danno, quindi dagli alcuni colpi buoni e duri. Controlla i tuoi progressi regolarmente: non ha senso continuare a martellare una volta che è piatto. 😉

È possibile che il metallo abbia preso un po’ di forza nella posizione piegata e che nessun colpo su di esso lo farà piegare all’indietro e rimanerein posizione. In questo caso, un po’ di adesivo dietro il telaio potrebbe fare il trucco, ma sarà difficile fissare il telaio esattamente dove deve essere mentre l’adesivo si fissa. Potresti usare un altro lungo pezzo di legno incastrato attraverso la porta da uno stipite all’altro come “morsetto” usando l’altro lato della porta per fornire la pressione. Lo svantaggio, tuttavia, è che quando arriva il momento di sostituire finalmente la porta, molto probabilmente non sarai in grado di riutilizzare il telaio (la maggior parte delle porte a zanzariera sono dotate di un telaio preforato per tutto l’hardware), quindi tu ‘ Dovrò rimuovere questo. L’adesivo sarà un vero dolore da rimuovere e potrebbe anche portare con sé un pezzo dello stipite della porta quando provi a rimuoverlo.

Sarebbe meglio praticare un piccolo foro attraverso il telaio della porta in alluminio e tenerlo premuto con una piccola vite a testa piatta. Dovrai assicurarti che la testa sia completamente a filo, il che significa che dovrai fare un po’ di fossette nel telaio della porta, altrimenti la porta si incastrerà nella testa della vite e tornerai subito sulla stessa barca . Usa una punta svasata per mettere uno smusso all’interno del foro che stai praticando per dare spazio alla testa della vite per sedersi nel metallo. Ti consigliamo di utilizzare un tocco molto leggero con la svasatura: troppo e il foro nel metallo diventerà rapidamente troppo grande per la vite che hai scelto. Avrai bisogno di una vite da legno standard con una testa piatta e una conicità sotto come questa:

inserisci qui la descrizione dell'immagine
Fonte: Lowes.com – nessuna approvazione di questo prodotto o del fornitore intesa o implicita

Una vite lunga 1/2 – 3/4″ probabilmente andrà benissimo.

Sembra anche che il labbro contro cui si chiude la porta sia un po’ piegato. Una volta che hai rimontato il telaio contro lo stipite della porta, controlla se questo è ancora piegato. In tal caso, sbattilo delicatamente in forma con il martello e il blocco di legno. Dal momento che non c’è il supporto in legno di questo pezzo, dovrai avere un assistente che regge un pezzo di legno più grande per creare un supporto contro cui martellare. Avrai bisogno di un pezzo di legno più lungo da collegare da una parte della porta dove è dritto a un’altra, quindi utilizzerai il blocco e il martello per appiattire il rigonfiamento, inserendo la porta tra i due pezzi di legno. Questo sarà probabilmente un po’ più difficile da fare perché hai una persona che tiene la tua bacheca invece che l’intera casa. Prenditi il ​​tuo tempo, fai attenzione e colpisci molto più delicatamente di prima: non vuoi che il tuo pezzo di legno voli via dalla tua presa e colpisca il tuo aiutante. Se lo fai, potrebbe salvarti, quindi sei bloccato a ripararlo da solo!

Per fissare il più vicino, tira il perno che tiene il più vicino nella staffa di montaggio. Rimuovere la staffa dalla porta e portarla su un marciapiede o un vialetto di cemento, oppure appoggiarla su un mattone robusto, un blocco di calcestruzzo o un pezzo di metallo pesante (spesso). Metti il ​​tuo blocco martellante su quel pezzo ovviamente piegato (come mostrato nell’ultima foto) e martellalo indietro. Se l’altro lato del supporto della staffa è piegato, martellalo anche in piano.

Rimontare la staffa sul telaio della porta. Suggerirei di usare alcune viti più lunghe(quelle più grosse funzionerebbero, ma probabilmente non entreranno nei fori della staffa, quindi è più lungo) in modo che mordano il legno nuovo. Una volta che è stato avvitato di nuovo in posizione, rimetti in posizione la chiusura e fai cadere il perno al suo interno.