PEX richiede home run?

Mi è stato detto che PEX richiede home run su un collettore (o topologia a stella, per prendere in prestito dalla rete) per mantenere la stessa portata/pressione del rame. Qualcun altro ha sentito questo?


Risposta 1, autorità 100%

PEX utilizza raccordi che hanno un diametro interno inferiore rispetto al tubo, a differenza del rame, dove l’ID del raccordo è in genere lo stesso del tubo. Quell’ID più piccolo ridurrà la tua portata rispetto al rame se hai molti raccordi tra la sorgente e il tuo dispositivo, come potresti in una situazione non home run in cui i dispositivi sono staccati da un tronco principale. In un sistema installato correttamente, questo verrà in qualche modo contrastato utilizzando tubi di diametro maggiore per quella linea principale.

Quindi questa è la teoria, ma in pratica posso dirti che ora ho vissuto in due case che erano idrauliche in PEX non home-run e non hanno mai avuto problemi con il flusso ridotto nei dispositivi remoti. Entrambe queste case utilizzavano 3/4″ PEX per il tronco e 1/2″ PEX per le diramazioni.


Risposta 2, autorità 50%

PEX viene generalmente eseguito su un collettore, ma ci sono adattatori che ti consentono di collegarlo a un tubo di rame esistente. Tuttavia, è così facile da eseguire che lo farei semplicemente nel modo migliore.


Risposta 3, autorità 17%

Dato che il PEX è solo il materiale di cui sono fatti i tubi, dovresti aver bisogno della stessa configurazione che avresti se usassi il rame. Avrei pensato che l’unico modo in cui la portata sarebbe stata influenzata sarebbe se il tubo avesse un diametro interno significativamente diverso.


Risposta 4

inserisci qui la descrizione dell'immagineIl problema è che i morsetti PEX perdono attorno alle due aree dei punti di crimpatura. (A differenza delle fascette stringitubo che hanno una sovrapposizione e hanno un’area uniforme sull’area di tenuta)
Questa perdita può causare scoppi e quindi allagamenti interni della casa.

Pertanto, i design homerun (senza aggraffature dietro pareti e soffitti) consentono alle perdite e agli scoppi di contenere i danni causati dall’acqua in un’area.