La batteria interna dell’unità A/C presenta del ghiaccio quando la temperatura esterna è inferiore a 65 gradi

La batteria interna dell’unità A/C presenta del ghiaccio quando la temperatura esterna è inferiore a 65 gradi. Il freon è stato aggiunto, ma si è ghiacciato di nuovo sei mesi dopo. Qual è il problema?


Risposta 1

Se solo un’unità AC che ha senso per me a meno che non sia configurata per creare una “cella frigorifera” a seconda del tipo di controllo (tubo capillare, orifizio), il sistema potrebbe non essere in grado di misurare accuratamente a temperature esterne più fresche in quanto lì non è un vero feedback rispetto a un sistema con una valvola a farfalla TXV. Con il circuito aperto, il Freon viene compresso e raffreddato quando si espande avvicinandosi a 20 gradi più freddo, se non c’è abbastanza flusso d’aria attraverso l’evaporatore o se il delta della temperatura è due bassi. Se si tenta di realizzare una cella frigorifera, è necessario utilizzare un sensore di temperatura spostato per controllare il sistema e ridurre le temperature.


Risposta 2

La maggior parte delle unità A/C non funziona bene a temperature inferiori a 65 gradi. Anni fa, avremmo installato un controllo ambientale basso. Chiedi al personale HVAC che effettua la manutenzione dell’unità di installare un “dispositivo di controllo della temperatura ambiente basso” per aiutare a mantenere alta la pressione della testa per consentire all’unità di funzionare al di sotto di 65 gradi.


Risposta 3

Fai controllare a un tecnico le alte e basse pressioni del refrigerante prima che si formi il ghiaccio. Una bassa pressione del refrigerante (come da una perdita) farà sì che la temperatura delle batterie dell’evaporatore sia sotto lo zero. Si desidera che la pressione indicata corrisponda a una temperatura del lato basso compresa tra 37 e 40 F.