Come prendersi cura di un bancone da macelleria

Ho un piano di lavoro della cucina che è in legno. Non è lucidato. Dopo 3 anni di utilizzo, ho molti graffi, piccoli punti neri (presumo muffa) e sta peggiorando.

Ho provato a pulirlo con limone e sale, mi ha aiutato un po’ per i punti neri ma quelle aree che ho pulito ora stanno diventando bianche. Devo carteggiare con carta vetrata e poi olio per legno? Se si quale carta vetrata e olio mi consigliate?

Grazie in anticipo.

inserisci qui la descrizione dell'immagineinserisci qui la descrizione dell'immagineinserisci qui la descrizione dell'immagine


Risposta 1, autorità 100%

Probabilmente ci sono molti modi per farlo. Ecco come farei io.

Sembra legno massello. I segni neri mi sembrano più sporco intrappolato nei tagli e nelle abrasioni accumulate nel tempo. Quindi, a prima vista, sembra che levigare e lucidare lo farebbe.

Rimuovi il lavandino e le finiture. Quindi piallalo – circa 2-3 mm con un utensile elettrico. La carteggiatura con una levigatrice a nastro è un’alternativa ma ci vorrà molto tempo, anche con le carte più ruvide.

Dopo la piallatura e la conferma di aver raggiunto le ammaccature più profonde, è il momento di levigare. Una levigatrice a nastro, usata con cura (non appoggiarvisi) lungo le venature del legno. Inizierei con grana 80 e poi farei grana 180 con la levigatrice a nastro. Dopodiché si tratta di levigatura manuale o di una levigatrice elettrica eccentrica o rotante. Preferirei l’eccentrico, ma entrambi andranno bene. Sceglierei 240 o 320 grana per questa parte. Una levigatrice rotante potrebbe lasciare graffi contro la grana che potrebbero essere rimossi con la levigatura a mano con la grana.

Dopodiché hai alcune scelte. Puoi laccarlo indifferentemente, ti farà risparmiare ulteriore levigatura (tranne leggere pennellate a mano tra un’applicazione e l’altra) e darà una finitura lucida e robusta. Oppure puoi oliarlo, nel qual caso lo carteggio ulteriormente a mano con la grana più alta su cui potrei mettere le mani, poiché l’olio non nasconderà nulla della superficie. E poi olialo generosamente, attendi qualche minuto, elimina l’olio in eccesso, quindi “lascia asciugare” e prosegui carteggiandolo con grana alta (400+). Dico di lasciare asciugare, ma a volte la distinzione è difficile con l’olio, dovresti essere in grado di far scorrere una mano sulla superficie senza che si sbiadisca. Ripeti due o quante volte vuoi, ma se sembra abbastanza buono, è abbastanza buono.

Inoltre, se vuoi oliarlo, hai una selezione di oli che metteranno in risalto diverse tonalità nel legno, o addirittura lo coloreranno leggermente. Mi piacciono quei bei oli bianchi soprattutto per la quercia. Puoi testare oli diversi su una superficie che sarà sotto il rivestimento o affondare o sul lato inferiore. Ma l’olio semplice e trasparente è spesso una scelta abbastanza buona.