Come posso rinforzare in sicurezza le capriate del mio garage per sostenere il muro a secco e l’isolamento del soffitto?

Di recente ho acquistato una casa dotata di doppio garage indipendente. Il garage è più vecchio, forse degli anni ’70? Utilizza quella che sembra una prima adozione di un tetto a capriate. Sembra che le capriate siano state costruite in loco, utilizzando una variante del queen-post (fan?).

Problema

Il precedente proprietario ha erroneamente deciso di riporre vari oggetti sui tralicci, causandone l’abbassamento. L’abbassamento è visibile dall’apice del tetto da un capo all’altro (ad arco) e tra le estremità delle singole capriate (che si incurva nel mezzo).

Quando il precedente proprietario si è trasferito, hanno rimosso la posta indesiderata e vedo che il problema si è risolto in modo abbastanza sostanziale. Sono preoccupato che se mi limito a fissare il muro a secco, applicherò più carico di quello a cui erano destinati i tralicci, peggiorando inevitabilmente il problema del cedimento e della distorsione.

Domanda

  • Cosa devo fare per evitare che la situazione peggiori?

  • Come posso introdurre una forza sufficiente nelle capriate e nelle relative
    struttura per consentire l’aggiunta sicura di cartongesso e isolamento?

Idee

  • Solleva il centro delle travature reticolari, quindi rinforza ogni corda inferiore con un 2×4 che copre l’intera larghezza del garage.
  • Sollevare il centro, rinforzare (come sopra) e anche sostituire eventuali reggette di legno con piastre di rammendo in acciaio, cravatte uragano, ecc.)
  • Lascialo così com’è, fissa il muro a secco, prega gli dei.

Foto

inserisci qui la descrizione dell'immagine

inserisci qui la descrizione dell'immagine

inserisci qui la descrizione dell'immagine

inserisci qui la descrizione dell'immagine


Risposta 1, autorità 100%

Sì, puoi riparare il tuo tetto, ma ci sono molti problemi che dovrai affrontare.

In primo luogo, devi capire che cercare di “aggiustare” questo mostro è difficile perché la specie, il grado, la dimensione delle unghie, ecc. non sono noti. Ovviamente il costruttore non conosceva o non capiva la costruzione di base perché, 1) intestazione della porta del garage minima, 2) nessuna intestazione della finestra, 3) membri del traliccio non continui, ecc.

Una soluzione semplice consiste nel sollevare DELICATAMENTE e LENTAMENTE il centro di ciascuna travatura reticolare e installare 2 travi diagonali al centro di ciascuna travatura reticolare collegandole dalle estremità isolate dell’asta esistente fino alla sommità del tetto. (Lo porterei alla stessa altezza dell’originale, NON più alto dell’originale.) Userei tavole 1×4 simili utilizzate dal costruttore e le inchioderei con un numero simile di chiodi a ciascuna estremità. (Non usare cinghie d’acciaio perché è troppo complicato per me capire se il membro del web sarà in tensione o compressione.)

Il fissaggio del membro web alla corda inferiore deve essere adiacente all’estremità del membro web più vicino (il membro web isolato). Farei attenzione a non dividere l’accordo inferiore. (L’accordo inferiore finirà con un mucchio di chiodi in stretta vicinanza l’uno all’altro e vorranno naturalmente dividere l’accordo inferiore.)

Tuttavia, un problema più grande è inchiodare il nuovo membro web alla cresta (picco del traliccio) e ci saranno 2 membri inchiodati in questa posizione.

Quindi, abbassa LENTAMENTE i tralicci.

Questa “riparazione” eviterà che i tralicci si abbassino. Un aspetto positivo della costruzione in legno è che i “fallimenti” si verificano lentamente e con una crepa o una spaccatura nel legno. (Al contrario dei guasti concreti che possono verificarsi con “un botto”. (Es.: il ponte della FIU è crollato pochi mesi fa.)

Quindi, controllerei i nuovi giunti di chiodatura per alcuni MESI, soprattutto se vivi dove c’è la neve. Monitorare per me significa creare un diario e annotare una data settimanale e quindi misurare la distanza dal fondo di ogni traliccio al pavimento per OGNI traliccio E controllare visivamente ogni estremità di ogni nuovo membro web e prestare particolare attenzione alla divisione dei membri dell’accordo. Se si divide… corri.