Come devo collegare un ventilatore da soffitto con quattro cavi 12/2 in entrata?

Ho fatto costruire un garage indipendente. Il ragazzo che gestiva l’impianto elettrico non è disponibile e ho dei problemi con il modo in cui ha gestito il cablaggio di due ventilatori a soffitto nell’area del soppalco.

C’è un interruttore (unipolare). Ci sono due ventole presumibilmente controllate da questo interruttore. In una scatola del ventilatore a soffitto, ci sono 4 cavi in ​​entrata (tutti 12/2). Due fasci di linee calde (entrambi dello stesso circuito) e altri due fasci, uno etichettato FAN e uno etichettato LIGHT.

Nell’altra scatola del ventilatore da soffitto, ci sono due cavi: uno etichettato FAN e uno etichettato LIGHT (entrambi anche 12/2). Le ventole che intendo installare non hanno interruttori luce/ventola separati. Sono su un telecomando e hanno solo bianco/nero/terra ciascuno.

Qualche idea su come questo deve essere cablato? Sono sbalordito dal fatto che una scatola della ventola ha 2 linee calde. Presumo che siano cablati in serie ma non sono sicuro?

L’interruttore all’estrema destra ha lo scopo di controllare la ventola.inserisci qui la descrizione dell'immagine

inserisci qui la descrizione dell'immagine

inserisci qui la descrizione dell'immagine


Risposta 1, autorità 100%

2 alimentazioni a caldo quasi certamente non sono “in serie” – quasi nulla nel cablaggio domestico è, o dovrebbe essere, a parte un interruttore è “in serie” con le cose che controlla (che sono in parallelo se ce n’è più di una di loro.)

Quindi, chiudine uno e non preoccuparti, poiché sono lo stesso circuito che va nella stessa scatola. Nessuno sa perché la persona originale l’abbia fatto, forse inclusa la persona originale. A meno che uno non sia già collegato a uno switch?L’hai verificato (l’interruttore sarebbe stato acceso durante il test e si sarebbe riscontrato che entrambi erano tensione di rete.)

Decifrare cavi mal etichettati è noioso ma necessario. Esistono vari metodi che variano a seconda degli strumenti disponibili. Mi piace utilizzare un multimetro sugli ohm impostati su fili (verificati) diseccitati ove possibile, collegare le sospette estremità lontane, vedere se si ottiene una bassa resistenza, scollegarle e assicurarsi che la resistenza diventi infinita, etichetta. Oppure usa una batteria da 9 volt e l’impostazione dei volt (ricorda in più che hai verificato che i fili NON sono collegati alla tensione di linea in qualche modo, PRIMA!)

Personalmente non sono un fan di collegare l’alimentazione ai cavi che vanno non so dove, e un multimetro economico è davvero poco costoso, davvero.

Un pensiero sull’etichetta “fan .vs. light” (oltre a essere pronto per i fan con ingressi separati) è che il cablaggio “light” potrebbe ancheessere eseguito su altri “light-only” scatole in garage?