Aggiungi presa 240v al pannello secondario dell’appartamento

Sto cercando di installare un sistema di lavatrice/asciugatrice nel mio appartamento e ho ricevuto feedback contrastanti sulla possibilità di far funzionare una presa da 240 V attraverso il mio pannello secondario esistente per alimentare l’asciugatrice.

C’è un modo per sapere se questo è possibile in base a un’immagine del pannello secondario?

Non ci sono altri elettrodomestici importanti all’interno dell’appartamento (solo elettrodomestici da cucina standard). Credo che il pannello secondario riceva 40 A dal pannello dell’edificio principale (costruito alla fine degli anni ’60 – foto dell’interruttore dal pannello principale allegata e dice “40 “). Qualsiasi feedback sarebbe molto apprezzato!

sottopannello

feed principale


Risposta 1, autorità 100%

Non hai abbastanza succo per un’asciugatrice normale

Il problema che hai è che mentre hai spazio nel pannelloper i circuiti richiesti, il tuo alimentatorenon è in grado di fornire abbastanza grugnito per supportare un bog- asciugatrice elettrica standard (a condensazione). In particolare, stai valutando 750 piedi2*3VA/piedi2 = 2250VA per l’illuminazione, insieme a 3 1500VA di indennità per gli elettrodomestici (microonde, frigorifero+smaltimento, recipienti da cucina), che ti danno 4313VA di carico una volta applicato il fattore di carico del 35% per carichi generali superiori a 3 kVA o 18 A a 240 V CA. Tuttavia, quel fattore di carico nonsi applica alla tolleranza di carico di 5000 VA dell’asciugatrice ed è necessario fornire 1500 VA (fattore di carico, però) anche per il circuito dei piccoli elettrodomestici della lavanderia, il che ti mette a 9838 VA di carico o 41A @ 240VAC, solo un capello troppo grande per il tuo alimentatore da 40A. Ops!

Essiccatori a pompa di calore in soccorso!

Tuttavia, c’è un modo per fare quello che vuoi senza rompere l’alimentatore del tuo appartamento, anche se significa acquistare un’asciugatrice non così economica. Vedete, nella ricerca per creare un’asciugatrice meno salvadanaio, alcune scintille luminose hanno colpito l’idea di prendere l’aria di scarico dal tamburo di un’asciugatrice, farla passare attraverso quello che è fondamentalmente un deumidificatore e poi reinserirla nel tamburo. Questa disposizione è chiamata asciugatrice a pompa di caloree ha il vantaggio di essere eccezionalmenteefficiente rispetto a qualsiasi altro mezzo di asciugatura elettrico disponibile, oltre a non richiedere anche uno sfiato.

In particolare, la serie Miele TWB1xx di essiccatori a pompa di calore funzionerà perfettamente con una presa da 120 V, assorbendo circa 8 A da quella presa. Insieme alla normale lavatrice di un appartamento, con i suoi 8-12 A di 120 V di carico, si adatta a malapenaa un singolo circuito di derivazione di piccoli elettrodomestici da 120 V. Inoltre, possiamo saltare l’assegnazione dell’asciugatrice nel calcolo del carico come risultato di ciò (allocazione di 5 kVA in un loadcalc per un apparecchio che non può maiassorbire così tanta energia poiché si collega a un ramo da 120 V, 15 A il circuito è semplicemente sciocco). Di conseguenza, aggiungiamo un fattore di 1500 VA per piccoli elettrodomestici al nostro carico esistente, ottenendo 4838 VA o 20 A a 240 V CA.

Nota che questo trucco funziona solocon gli essiccatori Miele: gli essiccatori a pompa di calore Samsung e Blomberg/Beko funzionano entrambi su circuiti a 240 V CA e sembra che anche Samsung richieda il neutro, limitando davvero il opzioni quando si tratta di fornire loro energia. (Inoltre, Samsung non documenta quanta elettricità assorbe effettivamente l’asciugatrice in qualsiasi punto del sito Web o nella scheda delle specifiche del prodotto.)